Elena | Senza Filtri

Elena | Senza Filtri

Al mio interno
Nelle pieghe più profonde
A passo deciso ma leggero

Mi addentro

In un’anima senza filtri ma
Razionale
Racchiusa in un corpo chiaro
Dalle linee affilate
Ma di femminea dolcezza

Con il cuore un po’ scoperto,
Mi lascio guardare
Forse scrutare
E mi sento piccola, ma

Viva

Questa volta è il mio turno.
E’ vero, già mi ero presentata ma da buona padrona di casa è giusto che anche io (mi) esponga.



Senza Filtri parla di me.

E’ un progetto che nasce come lavoro di tesi triennale in concomitanza con la relazione monografica sull’artista femminista italiana Marcella Campagnano.
In questo lavoro mi sono messa a nudo, sia emotivamente che fisicamente.

La mia ricerca si è incentrata sul tema dell’autoritratto, fulcro della tesi.
Il tutto ha origine un pomeriggio del marzo 2018 quando in una libreria mi innamoro di un libro che raccoglie una serie di autoritratti della fotografa americana Vivian Maier. Il modo in cui lei entra in un intimo rapporto con la sua Rolleiflex mi ha affascinato al punto che in quel momento mi venne in mente l’idea di ricreare alcune di quelle immagini con la mia polaroid Lomo’Instant.


Senza Filtri. Elena. Istantaneamente Blog
Collo


La mia ricerca è poi continuata attraverso il libro di Susan Bright, Auto Focus. L‘autoritratto nella fotografia contemporanea. Le immagini qui contenute raffigurano volti sinceri e autentici ma anche enigmatici e malinconici.
Da questa raccolta di immagini alcune artiste mi sono rimaste impresse. Tra tutte cito Nan Goldin e Cristina Nuñez i cui autoritratti mi hanno trasmesso sicurezza e vulnerabilità insieme.



Dalla parte opposta

Chi fotografa sa quanto sia difficile mettersi dall’altra parte dell’obiettivo perché in quel momento sei tu il modello di te stesso, sei tu che devi essere sincero e reale con la macchina fotografica.
Non sembra ma è davvero così: la fotografia scopre e porta alla luce la parte più interiore di noi. Ed io in questo progetto ho voluto smascherarmi e ritrovarmi. Restare, per l’appunto, senza filtri.


Senza Filtri. Elena. Istantaneamente Blog
Schiena



La serie segue una doppia lettura.
Gli scatti raffigurano una parte precisa del mio corpo: la schiena, la pancia, i piedi, le mani, il mio profilo. Dunque una sorta di focus, un close-up in cui in primo piano c’è solo una parte che compone il tutto.
La seconda lettura è invece l’unione di questi scatti: guardando nel complesso tutte le fotografie si andrà a ricreare esattamente la mia immagine. Tutti i pezzi avranno il loro ordine, dalla testa ai piedi.
E così si manifesterà più chiaramente il vero e proprio autoritratto.



Per finire

Concludo lasciando che un fotografo che ammiro, Frank Horvat, parli al posto mio perché in queste semplici parole ha raccolto tutta l’essenza del lavoro.

“UNO

Come solo, isolato, separato, particolare, unico.
Come il mio naso, la mia bocca, il mio cuore.
Come mia madre,
come mio padre,

come me


Senza Filtri. Elena. Istantaneamente Blog
Mano
Senza Filtri. Elena. Istantaneamente Blog
Peso
Senza Filtri. Elena. Istantaneamente Blog
Capelli
Senza Filtri. Elena. Istantaneamente Blog
Elena



FONTI:
  • Tesi di laurea triennale dal titolo Marcella Campagnano e i Ruoli del femminile. Capitolo 4: Il mio autoritratto
  • Susan Bright, Auto Focus. L’autoritratto nella fotografia contemporanea, Contrasto, 2010
  • Frank Horvat